Alcuni credenti che accettano che sia il sudario, che il velo siano autentiche icone miracolose indicano il fatto che le immagini su entrambi i pezzi di tessuto sono sorprendentemente simili: sembrano raffigurare lo stesso uomo. Ma non finisce qui, perché ci sono anche un terzo e un quarto velo. Veronica è annoverata tra i santi, anche se sembra che ci siano poche o nessuna prova che l’evento effettivamente ebbe luogo o che Veronica fosse mai esistita. Attraverso l'uso di una luce forte, le ombre appaiono pronunciate sugli zigomi, evidenziando la linea del naso, la cava del collo e, in generale, il senso del volume. Cristo, di notevole bellezza, dischiude le labbra come per parlare allo spettatore. La Sindone non è l’unica reliquia che si ritiene sveli l’immagine di Cristo. Veronica Route è un catalogo online delle opere artistiche e letterarie inerenti alla veronica romana, la reliquia medievale custodita in San Pietro. Si tratta di un piccolo dipinto, nato per la devozione privata, che rappresenta la testa di Cristo coronato di spine, durante la Passione. Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Autentica del velo della Veronica L’autenticità del velo è lungi dall’essere conclusiva. Il bordo indefinito della veste, che si fonde con lo sfondo bianco, farebbero pensare che si tratti di una rappresentazione del velo della Veronica: durante la salita al calvario, secondo i Vangeli, Cristo inciampò nel portare la croce e fu confortato da santa Veronica che gli asciugò il sudore con un velo su cui rimase impressa l'immagine del Salvatore. Chi ha il vero velo della Veronica, e tale velo è davvero miracoloso? Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media. Quando venne costruita la nuova basilica di San Pietro, la reliquia della Veronica fu fatta trasferire da Papa Urbano VIII in una delle quattro cappelle nei pilastri che sostengono la cupola, in cui si custodivano le reliquie più preziose. Dopo aver esaminato il “vero” velo, Pfeiffer sostiene che esso possegga alcune proprietà insolite, forse anche soprannaturali. I vv. Sapendo che nella lontana Palestina c’era un grande guaritore di nome Gesù, ordinò al suo messaggero Volusiano di andare a cercarlo a Gerusalemme, ma Volusiano arrivò in Palestina quando era ormai troppo tardi: Gesù era stato crocifisso! Lo stile più maturo della prova al Getty sposta in genere la datazione in avanti, alla fase della maturità, a ridosso degli affreschi della Camera di San Paolo. Il velo della Veronica Silvia Bertuzzi. Ed ecco il terzo mistero: dove si trova il velo della Veronica? Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...). Storia e descrizione. I documenti conservati nel monastero rivelano che il velo fu rubato dalla moglie di un soldato che lo vendette a un nobile di Manoppello per far uscire il marito dalla prigione. L’imperatore, non appena fu alla presenza del telo sacro, guarì all’istante. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 5 mag 2019 alle 06:25. L’aspetto più curioso è che il volto di Manoppello coincide per dimensioni con quello della Sacra Sindone, a differenza di quello che si trova in Vaticano. Alcuni colleghi di Pfeiffer non sono già d’accordo con le sue conclusioni. I test scientifici hanno determinato che proviene dall’11 ° o 12 ° secolo, sebbene il processo con cui è stato creato non sia ancora noto per certo, ma quelli che credono che sia l’attuale lenzuolo di sepoltura di Gesù di Nazaret a sua immagine e somiglianza, non può essere dissuaso. Tuttavia, una reliquia un po ‘meno conosciuta, ma ugualmente ben custodita e riverita (anche questa contestata), è il Velo della Veronica. Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare. Il Velo della Veronica (o Testa di Cristo) è un dipinto a olio su tavola (28,58x23 cm) di Correggio, databile al 1521 circa e conservato nel Getty Museum di Los Angeles. Lionel Wickham della facoltà di divinità di Cambridge a John Follain scrivendo per il Sunday Times di Londra , “ma se risale a quegli eventi è un’altra cosa “. Pfeiffer afferma che il tessuto è quasi trasparente con segni bruno-rossastri che tracciano la faccia di un uomo barbuto con i capelli lunghi. Il Velo della Veronica (o Testa di Cristo) è un dipinto a olio su tavola (28,58x23 cm) di Correggio, databile al 1521 circa e conservato nel Getty Museum di Los Angeles. Vero icono Manoppello 11,499 views. La controversia che circonda la Sacra Sindone di Torino probabilmente non finirà mai. 7:08. “Il fatto che il viso appaia e scompaia in base alla provenienza della luce”, ha detto Pfeiffer, “era considerato un miracolo in sé nel medioevo. Questi cookie sono fondamentali per poter navigare sul sito Web e utilizzare alcune funzionalità. Le apparizioni più clamorose delle anime del ... Il bambino che sta cambiando il dibattito sul... Hai bisogno di un padre spirituale? Partì quindi alla ricerca dei seguaci di Gesù, per ottenere almeno una reliquia del maestro. 103-108 alludono al velo della Veronica, la reliquia bizantina conservata in S. Pietro a Roma e un tempo esposta ai fedeli, sicché era oggetto di frequenti pellegrinaggi. Come ringraziamento per la sua gentilezza, Gesù fece un miracolo e lasciò un’impronta simile ad un dipinto della sua faccia sul velo. L’autenticità del velo è lungi dall’essere conclusiva. Dopo 13 anni di ricerche, tuttavia, è stato in grado di rintracciarlo a Manoppello. Non sappiamo quale sia il materiale che crea l’immagine, ma è il colore del sangue “. I vv. Trovò così una donna di nome Veronica, che ammise di aver conosciuto Gesù e gli raccontò una storia prodigiosa. L’imperatore, non appena fu alla presenza del telo sacro, guarì all’istante. L’originale, dice, è misteriosamente scomparso da Roma nel 1608 e che il Vaticano ha mostrato copia come l’originale per evitare di deludere i pellegrini che vengono a vederlo alla sua esposizione annuale. ... Velo de Veronica - Duration: 7:08. Nel pilastro si trova una statua che la rappresenta con la seguente iscrizione: “Urbano VIII Pontefice Massimo aggiunse una statua di marmo e un altare, edificò e ornò una cappella perché la maestà del luogo custodisse adeguatamente l’immagine del Salvatore impressa nel sudario della Veronica”. .css-tadcwa:hover{-webkit-text-decoration:underline;text-decoration:underline;}Maria Paola Daud - @media screen and (max-width:767px){.css-ij9gf6 .date-separator{display:none;}.css-ij9gf6 .date-updated{display:block;width:100%;}}pubblicato il 22/02/19. Un altro mistero è il fatto che in realtà questa scena della Via Crucis non si trova descritta in nessuno dei quattro Vangeli. Il velo poi è scomparso, dice Pfeiffer. “Pfeiffer potrebbe aver trovato un oggetto che è stato venerato nel Medioevo”, ha dichiarato il dott. Pfeiffer sostiene anche che le foto digitali del velo dimostrano che la sua immagine è identica su entrambi i lati: un’impresa, dice, che era impossibile da raggiungere all’antica data in cui è stata creata. È elencato tra le molte preziose reliquie della Basilica. Nasce da una tradizione antica: si dice che un giorno l’imperatore romano Tiberio venne colpito da una grave malattia. Autentica del velo della Veronica Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video. Ciò potrebbe sorprendere molti cattolici che pensavano che il velo fosse nelle mani del Vaticano, dove una volta all’anno viene portato fuori dalla stretta sicurezza e rivelato al pubblico. Seguendo la tradizione di Volusiano menzionata in precedenza, il velo giunse a Roma all’epoca dell’imperatore Tiberio, come dimostrato da un’iscrizione che si può ancora leggere sui resti di uno scrigno di legno, conservato al Pantheon, in cui si indica che Veronica stessa lo portò dalla Palestina: “In ista capsa fuit portatum Sudarium passionis Domini Nostri Jesu Christi Hierosolymis Tiberio Augusto” (In questa cassa venne portato da Gerusalemme, per Tiberio Augusto, il Sudario della passione di Nostro Signore Gesù Cristo). Heinrich Pfeiffer, professore di storia dell’arte cristiana presso l’Università Gregoriana Vaticana, afferma che il velo in San Pietro è solo una copia, tuttavia. Ecco qualche dato: Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Volusiano, però, non voleva tornare da Tiberio a mani vuote, temendo la sua ira. Il nome Veronica significa proprio questo, “vera icona”, e sembra derivare dalla combinazione dell’aggettivo latino “vero” e del sostantivo greco “icona” o “immagine”, per indicare che è la “vera immagine” di Gesù, considerata non dipinta da mano umana. Questo sito utilizza Cookies tecnici, e potrebbe utilizzare Cookie di profilazione di terze parti. Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine. 124-125 indicano il Sole, attraverso il mito di Fetonte che ne guidò malamente il carro (cfr. Il famoso personaggio che appare in una delle stazioni della Via Crucis, precisamente nella sesta, è pieno di misteri. A volte viene di chiedersi quando è in quali circostanze è stata…, La polizia in Florida ha fermato una donna che era stufa della…, Un video pubblicato su TikTok ha lasciato le persone con un punto…, La società di ricerca WhistleOut ha scoperto quanto le persone moderne spendono…, Una donna indignata, ha chiesto consiglio dopo che il marito ha segretamente…, La conoscenza umana è in costante crescita e le possibilità per noi…. Veronica non è la santa che, secondo la tradizione, avrebbe asciugato con un panno il volto di Cristo, come dice la sesta stazione della Via Crucis, ma è quel panno stesso, quel velo sul quale sarebbe rimasta impressa la “vera icona” (da cui “veronica”) del Signore. Nel 1999, tuttavia, un ricercatore annunciò di aver trovato il velo della Veronica nascosto in un monastero sulle montagne appenniniche d’Italia. Il contenuto è disponibile in base alla licenza, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Velo_della_Veronica_(Correggio)&oldid=104675164, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo. Il nobile, a sua volta, lo diede ai monaci cappuccini che lo collocarono in una cornice di noce tra due lastre di vetro. Secondo Pfeiffer, la leggenda del velo della Veronica può essere fatta risalire solo a circa il 4° secolo, e che solo nel Medioevo divenne legata alla storia della crocifissione. Il velo non è stato ancora sottoposto a scrupolosi test scientifici o datazioni come invece è stato fatto per la Sacra Sindone. Ed ecco il terzo mistero: dove si trova il velo della Veronica? E il nome è un primo mistero. Questo sito potrebbe raccogliere alcuni Dati Personali dei propri Utenti, se indicato in seguito. Non si fa menzione dell’evento in nessuno dei vangeli del Nuovo Testamento. In questa città è presente un Santuario dedicato proprio al telo in questione. Siamo in Abruzzo, Manoppello, comune vicino a Pescara. Il tutto è però addolcito dai toni smorzati delle sfumature che, legate alla corposità del colore, ne fanno uno dei tratti più distinguibili dello stile "dolce" dell'artista. Il velo della Veronica, una reliquia misteriosa senza tempo, Normativa GDPR sull'utilizzo dei cookie per la navigazione, clicca su Accetta per proseguire o su Informativa per maggiori dettagli e/o negare consenso, Singhiozzo, ecco come farlo sparire in fretta, Scopre perché la luce di una stanza non si spegne mai, il video diventa virale, L’Africa si sta sgretolando in tanti blocchi, 9 anni di vita vengono spesi a guardare uno smartphone, Sposa indignata con il marito, ha rovinato tutte le foto, Russia: ossa umane per evitare di slittare sulla strada. Qual è qu... Alunno cinese crede in Dio, viene costretto a... Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus... Mistero intorno all'apertura della tomba di C... © Copyright Aleteia SAS tutti i diritti riservati, Clicca qui per aprire la galleria fotografica. Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno. Volusiano chiese immediatamente a Veronica quel ritratto, e lei acconsentì a portarlo a Tiberio di persona. Il Volto Santo di Manoppello è una delle più note e importanti reliquie cristiane rappresentanti il Sacro Volto e coincidente, secondo alcuni studi, con il Velo della Veronica.Esso è conservato nell’omonima cittadina di Manoppello (PE), nella Basilica del Volto Santo. Ed è per questo che al velo è stato dato il nome che ha dato origine alla leggenda: Veronica (vera icona) significa “vera immagine“. Il viso diventa invisibile a seconda di come la luce lo colpisce. Gli storici sospettano, tuttavia, che l’immagine sul velo sia stata, in effetti, creata come una copia deliberata del volto sul sudario. Presumibilmente, è stato nelle loro mani da allora, tenuto sotto chiave nella Basilica di San Pietro. Quando papa Paolo V ordinò la demolizione della cappella in cui era conservato il velo, la reliquia fu spostata negli archivi del Vaticano, dove fu catalogata, completa di un disegno. 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese. Qual è il velo della Veronica? Non è necessario fornire il consenso per i cookie strettamente necessari, poiché sono indispensabili per assicurarti i servizi richiesti. Le tecniche di datazione al carbonio-14 dovrebbero essere in grado di stimare la sua vera età. La tavola ha in comune iconografia, formato e tecnica esecutiva con il Volto di Cristo nel Museo civico di Correggio, che si trova però in un peggiore stato conservativo. Loading... Unsubscribe from Silvia Bertuzzi? “Il velo della Veronica”, o anche detto “Velo di Manoppello” dalla località in cui è conservato. Questo non è un dipinto. Ed è stato nel loro monastero da allora. Molti sostengono che il Volto Santo di Manoppello sia quello originale, dopo il risultato di un esame realizzato con uno scanner digitale che conferma che sul telo non ci sono tracce di colore né pigmenti. Il velo originale, la sua attuale fonte sconosciuta, rimase in Vaticano dal 12° secolo fino al 1608, dove fu adorato dai pellegrini come l’immagine reale di Cristo. Titolo/Soggetto= Veronica [“Velo della Veronica sostenuto da angeli” restituisce tutte le occorrenze che contengono nel campo del titolo il termine Veronica che però non coincide con Velo della Veronica sostenuto da angeli; Titolo/Soggetto= Gesù incontra la Veronica; Secondo titolo= [Via Crucis Da quel momento, la famosa reliquia rimase a Roma. Secondo la leggenda, una donna di nome Veronica ebbe pietà di Gesù mentre portava la sua croce per le strade di Gerusalemme durante il Calvario e si fece avanti dalla folla, asciugando il sangue e il sudore dalla faccia con il velo. Si tratta di un piccolo dipinto, nato per la devozione privata, che rappresenta la testa di Cristo coronato di spine, durante la Passione. Da quel momento, la famosa reliquia rimase a Roma. Si dice che abbia guarito l’ imperatore Tiberio con il velo, poi l’ha lasciato alle cure di papa Clemente (il quarto papa) e dei suoi successori. Parliamo di una donna che si fece strada tra i soldati romani che scortavano Gesù e asciugò con il suo velo il sudore e il sangue del volto di Cristo, che rimase impresso sul telo. Si trovano in Spagna, nelle città di Jaén e Alicante, e sono chiamati “La Santa Faz de Jaén” e “La Santa Faz de Alicante”. La leggenda sostiene che il velo ha poteri curativi. Ancora oggi non si è riusciti a scoprire come si possa essere formata l’immagine. Secondo un’altra leggenda, il velo con il “Santo Volto” si troverebbe a Manoppello (Pescara). Volusiano chiese immediatamente a Veronica quel ritratto, e lei acconsentì a portarlo a Tiberio di persona. Grazie! Nel 1506 un pellegrino arrivò a Manoppello portando un telo con quello che diceva fosse il ritratto del volto di Cristo e lo consegnò al fisico Giacomo Antonio Leonelli per poi scomparire misteriosamente. Obiettivo di Veronica Route è quello di riscoprire i tratti perduti della reliquia medievale attraverso il confronto delle sue copie e lo studio delle principali varianti. È Pfeiffer che afferma di aver riscoperto l’autentico velo in un monastero cappuccino a Manoppello, in Italia. Il velo della Veronica ha proprietà soprannaturali? Questa immagine fedele di Gesù è una “vera icona”. Ma andiamo a scoprire, ora, la storia di … Secondo Catholic Online, Veronica ha mantenuto il velo e ha scoperto le sue proprietà curative.