Le descrive nel modo seguente mons. Dato che il numero ridotto delle ossa rimaste non poteva più dare forma compiuta allo scheletro, fu progettato un nuovo reliquiario. Nel corpo-reliquiario fu praticata sul lato sinistro un’apertura non solo in grado di accogliere le sue sacre ossa, ma anche di renderle visibili alle sorelle. Di recente abbiamo pubblicato sulla nostra fanpage la foto della maschera di silicone che copre i resti mortali di Padre Pio (nella foto). Così appena finiti i lavori per la definitiva sistemazione della tomba di San Francesco nel 1850, si iniziarono i lavori nella basilica di Santa Chiara per riportare alla luce il suo corpo. Questa sistemazione consente ai pellegrini e ai visitatori di vedere soltanto il corpo-reliquiario. Benedettucci che aggiungeva gli spessori necessari, vedevamo rinascere il volto della nostra santa Madre: un ovale, non perfettamente simmetrico, con gli zigomi alti e la mandibola un po’ marcata. Da dietro ad una grata si possono venerare i resti mortali di S. Chiara, racchiusi in un corpo-reliquario, che giace su una tavola di legno. “Partendo dalla lunghezza fisiologica del femore, dell’omero e della tibia, usando la formula di Olivier e Tissier, che contempla valori di somma tra più ossa lunghe si conclude che la Santa era alta m 1,55”. Su richiesta delle sorelle di santa Chiara si tentò di ricostruire il viso della santa, secondo le più recenti tecniche scientifiche. Compiuto l’esame delle ossa, si avviò i trattamenti: disinfezione e disinfestazione delle ossa; consolidamento del tessuto osseo tramite l’immersione a lungo ripetuta per tre volte in una soluzione di etile silicato e poi in una soluzione di resina acrilica e acetato di amile; ricomposizione, fin dove era possibile, dei frammenti ossei. Abbiamo scritto nella didascalia che copre il volto del santo, parzialmente decomposto. Nazzareno Gabrielli, dott.ssa Maria Venturini e prof. Ezio Fulcheri. Ecco qualche dato: Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. la testa, il tronco e il bacino erano in buone condizioni; gli arti inferiori erano molto deteriorati. La nostra fonte è un’intervista realizzata da Stefano Campanella, giornalista, scrittore e direttore di Teleradio Padre Pio e Padre Pio TV. Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media. Gabrielli ha spiegato che quando è stata aperta la bara di Padre Pio si è verificato che: L’aspetto che ha sorpreso maggiormente tutti i membri della commissione durante l’esame è stata l’assenza assoluta di cattivi odori. Era pertanto un poco più bassa di S. Francesco, la cui statura, secondo gli studi medici in occasione della ricognizione delle ossa, misurava m 1,57. Il ritrovamento del sepolcro di san Francesco, avvenuto il 13 dicembre 1818, e la realizzazione della cripta scavata sotto l’altare maggiore della basilica inferiore, non poteva non suscitare nelle clarisse e nella cittadinanza un vivo desiderio che si potesse portare alla luce, per la devozione dei fedeli, anche la tomba di santa Chiara. Gianfranco Nolli: “Infatti abbiamo potuto eseguire il calco del cranio, con le sue asimmetrie naturali, quali nessuna fotografia o quadro d’autore avrebbe potuto darci. Copyright © Basilica di Santa Chiara in Assisi All Rights Reserved. grezzo all’interno di un’urna di cristallo e di pietra del Subasio. Appena fatta la pulitura del corpo si è subito notato la notevole diminuzione delle ossa – solo 57 rimaste – come anche la loro fragilità. Siccome possiamo calcolare con ottima approssimazione gli spessori di pelle che ricoprono le ossa del nostro cranio e della faccia, che costituiscono la base essenziale della fisionomia di ciascuno di noi, seguendo le indicazioni del calco siamo sicuri di aver ottenuto il volto di S. Chiara. Ha risposto a questo dubbio Nazzareno Gabrielli, perito del Vicariato di Roma per la conservazione dei santi e biochimico al servizio della Santa Sede. Questa semplice informazione ha scatenato commenti che mettevano in dubbio la qualità delle nostre fonti e ha deluso molte persone, che se ne sono sentite offese. Il 22 giugno 1852, festa del “Voto”, il Vescovo diocesano diede inizio ai lavori per la futura cripta che doveva accogliere il corpo di santa Chiara. L’ultima ricognizione del corpo di S. Chiara del 1986-1987, fu effettuata da mons. Un fatto curioso: nessuna autorità della Chiesa ha MAI dichiarato che il corpo di Padre Pio sia miracolosamente incorrotto, eppure vari siti cattolici divulgano questa “informazione” e portano milioni di persone a crederci. Dopo attenta riflessione si optò per un reliquiario a forma di corpo rivestito con l’abito di S. Chiara. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare. Per renderci conto del livello di autorità, consideriamo che oltre che il corpo di Padre Pio, Gabrielli ha curato i resti mortali di Santa Chiara d’Assisi, San Giovanni XXIII, Pio IX e Pio X. Può bastare? Per le notizie complete puoi scaricare un interessante, approfondimento sulle Reliquie di s. Chiara. Su richiesta delle sorelle di santa Chiara si tentò di ricostruire il viso della santa, secondo le … Le apparizioni più clamorose delle anime del ... Il bambino che sta cambiando il dibattito sul... Hai bisogno di un padre spirituale? Gianfranco Nolli, dott. Possiamo dire quindi che il volto ricostruito sul teschio di S. Chiara è quello più somigliante: anzi, oseremo dire l’unico vero”. Alcuni di loro non solo sono incorrotti, ma addirittura producono fragranze o altri fenomeni miracolosi. Tuttavia, Dio ha voluto preservare i corpi di alcuni santi che oggi sono venerati dalla Chiesa Cattolica. Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Per esempio la santa di York, Inghilterra, Santa Margherita Clitherow Middleton, martire, fu condannata a morte dai protestanti, stesa al suolo legata con le mani e i piedi a dei pioli. – La ricostruzione del viso di santa Chiara. Segue l’altare di San Carlo Borromeo con una modesta tela. 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese. Powered by WordPress with Lightning Theme & VK All in One Expansion Unit by Vektor,Inc. I lavori si protrassero fino al settembre del 1872. Per le notizie complete puoi scaricare un interessante, approfondimento sulle Reliquie di s. Chiara. Per rispetto nei confronti di tutti coloro che accompagnano il nostro lavoro, presentiamo quindi il parere dei periti del Vaticano sul corpo del nostro venerato Padre Pio. Nel morire il corpo inizia un processo di decomposizione. Le spoglie di santa Chiara, traslate dalla vicina chiesa di S. Giorgio, furono assicurate sotto l’altare maggiore il 3 ottobre 1260. La struttura odierna è frutto di un rifacimento in stile neogotico effettuato nel 1934. Gli intervistati sono i membri della commissione di periti designati dal Tribunale Ecclesiastico per la questione. .css-tadcwa:hover{-webkit-text-decoration:underline;text-decoration:underline;}O Catequista - @media screen and (max-width:767px){.css-ij9gf6 .date-separator{display:none;}.css-ij9gf6 .date-updated{display:block;width:100%;}}pubblicato il 08/10/18. Copyright © Basilica di Santa Chiara in Assisi All Rights Reserved. L’unica perplessità era costituita sia dalla forma del naso (le cartilagini infatti sono scomparse) che dalle labbra. Per le notizie complete puoi scaricare un interessante approfondimento sulle Reliquie di s. Chiara. Da dietro ad una grata si possono venerare i resti mortali di S. Chiara, racchiusi in un corpo-reliquario, che giace su una tavola di legno grezzo all’interno di un’urna di cristallo e di pietra del Subasio. Il 23 settembre del 1850 solennemente viene aperta la tomba della santa che fu trovata sotto l’altare maggiore “alla profondità di sedici palmi dal pavimento”, chiusa da “un masso di travertino irregolare, cinto da grossa fascia di ferro”. Per renderci conto del livello di autorità, consideriamo che oltre che il corpo di Padre Pio, Gabrielli ha curato i resti mortali di Santa Chiara d’Assisi, San Giovanni XXIII, Pio IX e Pio X. Può bastare? Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Anche le sorelle del Protomonastero manifestarono profonda emozione davanti alla ricostruzione del volto della loro santa Madre: “Eseguito il calco di gesso, sotto le mani d’artista del dott. Al di là dell’inevitabile fissità dell’immagine rimaneva qualcosa del fascino della sua personalità di donna lineare e decisa, ardente e tenerissima, sensibile e fiduciosa, piena di quell’equilibrio e quella discrezione che di una personalità sono la bellezza, il compimento”. Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video. Qual è qu... Alunno cinese crede in Dio, viene costretto a... Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus... Mistero intorno all'apertura della tomba di C... © Copyright Aleteia SAS tutti i diritti riservati. Scendendo la navata destra, si vede fissata alla parete la lastra tombale in bronzo del Cardinale Matteo Petrucci di Jesi, morto a Montefalco dove era venuto a venerare il corpo di Santa Chiara. technology. – La ricostruzione del viso di santa Chiara. Ma qui ci sovveniva l’opera del cosiddetto «pittore di S. Chiara», dal cui «ritratto» abbiamo desunto precisamente la forma del naso e della bocca. Nella nuova estensione della cripta, verso l’ingresso principale. Era pertanto un poco più bassa di S. Francesco, la cui statura, secondo gli studi medici in occasione della ricognizione delle ossa, misurava m 1,57. Gabrielli ha spiegato che quando è stata aperta la bara di Padre Pio si … technology. Poi sotto la schiena fu posta una pietra aguzza e sul corpo una porta di legno sulla quale furono ammassati grossi pesi fino a schiacciarla mortalmente. Leggi anche:5 Miracoli avvenuti alla presenza di corpi incorrotti di santi. Grazie! Leggi anche:12 fenomeni inspiegabili che si verificano sui corpi incorrotti dei santi. nel 1701. e già posto nel pavimento davanti all’altare della santa. Nella foto sottostante, si può vedere come le mani di Padre Pio siano piuttosto deteriorate. Nella nuova estensione della cripta, verso l’ingresso principale, sono invece esposte alcune reliquie francescane-clariane. Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...). Nel mezzo della cripta originale sorge una costruzione a figura dodecagona regolare, che ha la duplice funzione di mettere in evidenza il cunicolo, entro il quale fu trovato il semplice sarcofago di travertino con le spoglie della Santa, e di servire al culto mediante un altare. Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine. Powered by WordPress with Lightning Theme & VK All in One Expansion Unit by Vektor,Inc. Secondo il vescovo diocesano, Domenico D’Ambrosio, che ha seguito l’esumazione, la parte superiore del cranio era parzialmente scheletrica, il mento era perfetto e il resto del corpo era ben conservato. sono invece esposte alcune reliquie francescane-clariane. Le spoglie di santa Chiara, traslate dalla vicina chiesa di S. Giorgio, furono assicurate sotto l’altare maggiore il 3 ottobre 1260. Si approfittò della ricognizione e la ricomposizione accurata delle ossa per effettuare un calcolo dell’altezza di S. Chiara. Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.