Il pittore e scultore coreano, maestro del minimalismo, ha catturato Versailles con grande sottigliezza. L’abbondanza di musica leggera e di situazioni vivaci, dinamiche, colorate non deve far pensare che Marie Antoinette sia un film superficiale. Sheila Hicks, Proserpine en Chrysalide, © ADAGP, Parigi 2017. Una donna cresciuta tra i privilegi più esclusivi ed educata a considera re il potere monarchico come diritto divino poteva comprendere soltanto a fatica gli importanti cambiamenti che si stavano manifestando in Francia e in Europa. Mark Manders, Dry Clay Head, 2015-2017, Bronzo patinato, Per gentile concessione dell’artista, Zeno X Gallery (Anvers), Tanya Bonakdar (New York), © Anders Sune Berg Ispirata alla cappella della reggia di Versailles, è una sala rettangolare, con la volta a botte ornata di cassettoni e rosoni dorati e un'abside Stampato C. 5388 La Versailles francese al contrario della Reggia di Caserta, solo per fare un esempio si allegano brevi schede recanti la descrizione dei siti stessi. Balloon Dog Jeff Koons, , 85.8˚ Arc x 16 2011 Acciaio Cor-ten Altezza: 22 metri. Il Palazzo. Quale territorio del pianeta Francia vuoi esplorare oggi? Oggi la Reggia di Versailles è una delle principali attrazioni turistiche di Francia, con 5 milioni di visitatori del palazzo e quasi 10 dei giardini. Della biografia di Antonia Frazer il film ha però conservato il giudizio fondamentalmente positivo sul personaggio storico, se non dal punto di vista politico, certamente da quello psicologico e umano. Mostra: ""Venet à Versailles"", Castello di Versailles, 2011. Mengele: il nazista responsabile della soluzione finale. Il recupero del passato avviene unendo l’ambientazione storica tradizionale e gli abbondanti riferimenti alle abitudini e alle mode di oggi. Costume da bagno. L’artista nizzardo Bernar Venet, fondatore dell’arte concettuale, ha esposto nelle tenute di Versailles e di Marly sette opere monumentali, imponenti semicerchi in acciaio brunito, realizzati appositamente per l'evento. Con un gran senso dell’humour e dell’immaginazione, l’artista giapponese Takashi Murakami ha inventato un connubio tra la storia e lo spirito del tempo, l’estetica manga e la cultura pop, nel "paese delle meraviglie di Versailles". Dai giardini della reggia di Versailles alla sala del Jeu de Paume, le sei impressionanti installazioni dell’artista indiano Anish Kapoor hanno disegnato un percorso choc che ha destato viva impressione, ad immagine del suo Dirty Corner, simbolo della "vagina della regina che prende il potere"…. © Veilhan / ADAGP, Parigi, 2017. Testata giornalistica registrata al Tribunale di Napoli, autorizzazione 22 del 21/04/2015. © Château de Versailles, 2015  —  Dirty Corner 2011-2015, Per gentile concessione di Lisson Gallery, Galleria Massimo Minini, Galleria Continua, Kamel Mennour and Kapoor Studio, © Fabrice Seixas La reggia di Versailles rappresenta una dei più bei capolavori dell'arte francese del XVII secolo. Attraverso una passeggiata punteggiata di spettacolari sculture in 3D, l’artista figurativo Xavier Veilhan è riuscito nella sfida di inserirsi nell'architettura di Versailles, dialogando abilmente con essa. Una danza ottica e luminosa. ... Warcraft – L’inizio, analisi del film e dei rapporti con il... Cinema anni 2000 12 Novembre 2020. L'artista dano-islandese si è appropriato di Versailles e dei suoi giardini con modestia, attraverso un insieme di sei installazioni che ruotano attorno al tema dell'acqua, dell'ambiente e della consapevolezza di sé. A fianco di compositori del passato come Antonio Vivaldi e Domenico Scarlatti sono stati inseriti brani rock, punk, e altre canzoni dai toni aggressivi oppure malinconici e romantici.  —  Dalle Alpi - Monte Bianco alla Normandia, dalla Provenza alla Valle della Loira, passando per Parigi e Tahiti, hai più di trenta destinazioni da scoprire. Il contrasto tra l’ambientazione settecentesca e le sonorità moderne può creare un effetto un po’ straniante, ma presto lo spettatore si abitua ed è in grado di cogliere perfettamente il significato dell’accostamento. Valquíria Enxoval, 2009 Joana Vasconcelos, © Philippe Chancel, Paris  —  La reggia di Versailles, trasformata da tenuta di caccia a residenza reale da Luigi XIV. Castello che domina Versailles, città della Francia settentr. Nonostante questo, sembrano dirci l’autrice del libro e la regista del film, Maria Antonietta seppe mostrare in molte occasioni intelligenza e virtù, evitando o quantomeno ritardando la fine della monarchia e con essa la distruzione della sua famiglia. divenuta residenza reale nel 1682 per volere di Luigi XIV. Dal 2008, i più grandi artisti contemporanei del momento vi si installano per reinventarla meglio. E per darci ogni anno una nuova ragione di (ri)vedere Versailles. La reggia di Versailles, un'istituzione classica orientata al passato?  —   —  Giornalista freelance specializzata nella cultura Ordine del Ministero della Cultura e della Comunicazione, "Centre National des Arts Plastiques". E per darci ogni anno una nuova ragione di (ri)vedere Versailles. Prima donna invitata alla reggia, la celebre artista portoghese Joana Vasconcelos ha installato nella galleria degli Specchi le sue opere stravaganti e gioiose, che celebrano l'audacia, la sperimentazione e la libertà. © Laurent Lecat Studio Ghibli: cosa si nasconde nei suoi film. Dolcificanti artificiali e bibite zero zuccheri: fanno male? Giuseppe Penone, Albero folgorato, 2012, © Luis Vasconcelos L’artista super-star americano si è confrontato con l'esuberanza e il cattivo gusto assunti come decorazione barocca dei grandi appartamenti reali.  —  Nel portare sullo schermo Maria Antonietta, la regista ha selezionato una parte della vita della regina, cioè il periodo che va dal trasferimento a Versailles fino all’abbandono della reggia, nel novembre 1789, per volontà dei rivoluzionari. CTRL + SPACE for auto-complete. Nel 1750, il giovane re Carlo III di Borbone, nato nel 1716 da Filippo V, re di Spagna e da Elisabetta Farnese, assunto al trono napoletano nel 1734, decide di realizzare a Caserta una grande reggia che facesse invidia sia alla francese Versailles che all'austriaca Scöubrum. Per continuare a viaggiare. Si può incontrare, tra gli altri, Sheila Hicks, Jean-Marie Appriou, Oliver Beers o Rick Owens. In coppia sulle strade del vino o in crociera con i bambini… Quale viaggio in Francia scegli questa volta? Veduta della mostra, Veilhan Versailles, Castello di Versailles, 2009. Certo che no! La colonna sonora rappresenta un aspetto importante della rilettura moderna, dichiaratamente “pop”, del personaggio di Maria Antonietta e della vita di corte presso la reggia di Versailles. Capofila dell’arte povera, l’artista italiano Giuseppe Penone ha interrogato il rapporto dell’uomo con la natura, ritmando i giardini di Le Nôtre con le sue sculture di alberi in legno, roccia o bronzo. Ispirata alla cappella della reggia di Versailles, è una sala rettangolare, con la volta a botte ornata di cassettoni e rosoni dorati e un'abside semicircolare. © Château de Versailles 2015 Le Carrosse, 2009.  —  Dal punto di vista della narrazione, il film alterna le scene descrittive, i grandi quadri d’insieme ispirati alla pittura del passato, al ritmo veloce, incalzante, debitore della comunicazione pubblicitaria e dei video musicali. Ha così messo a punto uno stile accattivante, che cerca in vari modi di unire il passato e il presente. © Lee Ufan, Per gentile concessione dell’artista, K. Mennour, Paris/London and Pace, New York, © Archivio Penone Lavorando sul linguaggio proprio del cinema, la regista ha suggerito un’affinità tra i pensieri e le emozioni di Maria Antonietta, vissuta più di due secoli fa, e le esperienze di un’adolescente degli anni 2000, magari ricca e un po’ viziata. Versailles: la corte di Luigi XIV rappresentata nell’omonima serie tv. In particolare, la regista Sofia Coppola ha voluto vedere nei capricci e nelle frivolezze della consorte del re di Francia un atteggiamento analogo a quello di qualsiasi ragazza, di oggi e di ieri, nata e cresciuta tra privilegi e agiatezza. Dal 2008, i più grandi artisti contemporanei del momento vi si installano per reinventarla meglio. Una finestra sulla Francia. Sotto il commissariato del Palais de Tokyo, un percorso inedito si dispiega nei boschetti "dalla gloria dell’autunno alla mineralizzazione eclatante dell’inverno".  —  Documenti. La studiosa inglese ha cercato di spiegare i comportamenti frivoli e gli errori politici di Maria Antonietta mettendoli in relazione con l’educazione ricevuta e con l’ambiente in cui la sovrana viveva. A Parigi sui passi della serie Emily in Paris, Prossima apertura di luoghi iconici a Parigi, Cartoline d'anniversario: Claude Monet, il pittore-giardiniere padre dell’Impressionismo, Ministero dell'Europa e degli Affari Esteri, Visitfrenchwine - The official website for wine tourism in France, France.fr © 2018 - Tutti i diritti riservati. Patente di guida. La reggia di Versailles, un'istituzione classica orientata al passato? Per il rigore e la ricchezza delle immagini l’opera di Sofia Coppola si è aggiudicata vari premi, tra cui l’Oscar assegnato a Milena Canonero per i costumi (va ricordato che la torinese Milena Canonero aveva già vinto due Oscar, il primo dei quali per un capolavoro come Barry Lyndon, 1975, di Stanley Kubrick, anch’esso di ambientazione settecentesca). Tour dei siti culturali d'eccezione o escursioni sulle vette. Le due Guerre Mondiali (1914-1945) 11 Novembre 2020.  —  Una concezione affascinante dell’onirismo. Il 12 Ottobre 2020, 10:16. Olafur Eliasson Waterfall, 2016 Installation view, Palace of Versailles, 2016, © Fabrice Seixas © Florian Kleinefenn Il gioioso delirio delle feste di Luigi XIV… perpetuato a colpi di sculture molto appariscenti. Tratto liberamente dalla biografia Maria Antonietta - La solitudine di una regina (2002) di Antonia Frazer, il film ripropone la figura storica di Maria Antonietta in chiave moderna e per certi aspetti provocatoria. Basti pensare che le innumerevoli scarpe della regina e delle sue favorite sono state realizzate da uno dei più fantasiosi stilisti contemporanei: lo spagnolo Manolo Blahnik. @paulineweber_. Festival, mostre, concerti o grandi eventi… Su France.fr e ovunque in Francia, c'è sempre qualcosa da scoprire. Write CSS OR LESS and hit save. Allo stesso modo, gli spettacolari dolciumi di cui le aristocratiche ragazze si saziano senza freni sono opera di Ladurée, noto marchio di pasticceria parigino. Ai due lati le gallerie superiori sono formate da sedici colonne; sulla parete d'ingresso è la tribuna reale. Inoltre, a conferma del valore storico e didattico di Marie Antoinette, a Cannes una giuria di insegnanti e allievi ha attribuito al film il Premio del sistema educativo nazionale francese. Warcraft – L’inizio, analisi del film e dei rapporti con il... Mengele: il responsabile degli orrori scientifici di Auschwitz, La prima guerra d’indipendenza e il ’48 in Italia. Grazie ad un lavoro abile e parsimonioso, ha teorizzato il vuoto attraverso opere essenzialmente in pietra, che si inseriscono senza rumore nel paesaggio. Per questa 10a edizione, è stato invitato a Versailles un collettivo di artisti.  —  I suoi tetti coprono circa 13 ettari di superficie. Il Salone Révélations al Grand Palais di Parigi, Regolamentazione d'accesso alle Zone a Circolazione Ridotta in Francia, Informazioni e aggiornamenti Coronavirus: la situazione in Francia. Lavorarono fino a 30mila persone per trasformare una semplice residenza di campagna, con 700 stanze, più di 2000 finestre, 6300 dipinti e 2100 statue. La colonna sonora rappresenta un aspetto importante della rilettura moderna, dichiaratamente “pop”, del personaggio di Maria Antonietta e della vita di corte presso la reggia di Versailles. Relatum - L'Arche de Versailles 2014, Acciaio inossidabile e 2 pietre. La rappresentazione della reggia e dei suoi giardini, la descrizione della vita a corte, i ritratti dei personaggi più importanti a cominciare da Luigi XVI, lo sviluppo stesso degli eventi sono dal punto di vista dell’accuratezza storica quanto di meglio può offrire un film pensato per il grande pubblico. Il primo nucleo della Reggia fu un padiglione di caccia di Luigi XIII (1624), poi restaurato e ampliato da Luigi XIV. Certo che no! Tutto il film si caratterizza per la ricerca dello shock visivo, come si vede dai colori usati per i vestiti e le pettinature, che fanno a gara per colpire lo sguardo: oro, malva, fucsia e vari tipi di rosa sono le tonalità che spesso predominano, come si può vedere dalla locandina stessa del film, riportata in queste pagine. La Reggia di Versailles nella sua versione definitiva contiene invece oltre 700 stanze, 2513 finestre, 352 camini, 67 scale e 483 specchi.