gruppo di nord-ovest (appartenente amministrativamente al comune di Ponza), gruppo di sud-est (appartenente amministrativamente al comune di Ventotene). The International Yachting Media Digest è la rivista digitale della nautica, Superocean 58: diciotto metri di innovazione e potenza, Con il Dpcm in vigore ecco chi può andare in barca e chi no, LetyourBoat: per la Black Week prezzi super sul tuo viaggio, MCY 76 Skylounge: debutto americano al FLIBS 2020, Absolute Yachts al FLIBS: ecco le novità 2020/21, Osculati SP Premium 365: la prova dell’antivegetativa, Restrizioni Dpcm: i confini comunali valgono anche via mare, Sintesi: ecco come funziona la palestra del futuro, Riva in the movie, oltre 60 anni di cinema a bordo dei Riva, Nuova Jolly Prince 50: ammiraglia senza compromessi, Boot Düsseldorf 2021: un’incognita ancora da svelare, Quick Gyro: perché è il più richiesto sul mercato, Vanguard: Hydro Tec presenta l’evoluzione degli explorer, Italwinch: verricelli ed eliche di manovra, ecco le novità 2021. Denominata dai greci Pandataria o Pandaria, Ventotene iniziò ad essere abitata solo quando l’imperatore Augusto decise di costruirvi sopra l’attuale Punta Eolo una sontuosa villa per le vacanze che comprendeva anche un porto, piscine termali, cisterne per l’acqua piovana, acquedotti, peschiere. Chiudiamo il giro di Palmarola e rientriamo a Ponza, anzichè rientrare da sud così come siamo partiti al mattino, andiamo ad ovest, entriamo ai Faraglioni di Lucia Rosa e risaliamo verso nord costeggiando Cala Feola, Cala dell’Acqua, Cala Fontana e Cala Felci dove, a Vs richiesta se lo gradite, il capitano si fermerà per farvi fare un altro bagno. Dopo che nel 1534 il saraceno Khair-ad-Din (conosciuto come il Pirata Barbarossa) aveva messo a ferro e fuoco l'isola, nel 1552 una nuova incursione, compiuta dal corsaro Dragut, portò morte e distruzione a Ponza. Continua a leggere, Settemari Srl Le isole sono raggiungibili in traghetto o aliscafo da Formia, Anzio, Terracina, San Felice Circeo, Napoli, Pozzuoli e Ischia. Il nostro staff saprà indicarvi il modo migliore per raggiungerli organizzando perfettamente i vostri spostamenti e preservando l’entusiasmo dell’esperienza da vivere. Dotata di un sistema viario interno, l'isola è raggiungibile dalla terraferma grazie ai traghetti che collegano il porto di Ponza con Anzio, San Felice Circeo, Formia, Terracina e Napoli. Si incontrano quindi, i Piatti, scogli appiattiti che affiorano dal mare. Isola Palmarola indirizzo postale: Nazione: Italia. Da Sud a Cala Brigantino a Nord sotto le pareti rocciose famose come “la Cattedrale”, il periplo dell’isola regala paesaggi mozzafiato e un mare da sogno. Inviati tecnici per dirigere i lavori, questi durarono fino al 1793, svolti da alcune centinaia di forzati ergastolani, che poi nel 1795 furono rinchiusi nel nuovo carcere di Ponza. Seguono poi, il Faraglione Pallante, le Grottelle, lo Scoglio dell’Elefante, il Faraglione di S. Silverio, i Faraglioni e le grotte delle Galere, spiaggia o cala porto, sovrastata da una parete rocciosa parzialmente composta di ossidiana, vetro vulcanico di colore nero. La vegetazione è tipicamente mediterranea, con prevalenza di agavi, fichi d'India, ginestre, fillirea e mirto. La superficie è di circa 7,2 ha e si estende in lunghezza  per circa 7,350 km. Parallelamente nel 1795 viene completata la costruzione del carcere sull’isolotto di Santo Stefano dove vengono rinchiusi gli ergastolani e dal 1813 i prigionieri politici.Durante il fascismo, nel 1926 Ventotene diventa il luogo di prigionia per molti oppositori del regime. Le posizioni geografiche piu vicine (distanza ottica da Isola Palmarola): Baia: Cala di Ponza (9.183 m) Stazione meteorologica: Ponza (8.603 m) Isola: Isola di Ponza (9.183 m) Isole: Isole Ponziane (8.603 … Nel Medioevo rimase un fiorente centro religioso (nel 537 morì nella vicina Palmarola papa Silverio, che tutt'oggi è patrono del Comune di Ponza, festeggiato il 20 giugno) e commerciale, grazie all'opera dei monaci benedettini, i quali eressero l'abbazia di Santa Maria. Li seguirono alcuni nuclei di ponzesi che resero operanti diversi esercizi commerciali, dedicandosi anche alla pesca, soprattutto nell'isola Tavolara. Siamo lieti di informare i nostri gentili clienti che il ristorante panoramico Roof Garden continuerà ad offrire esclusivamente agli ospiti della struttura la possibilità di cenare tutte le sere dalle ore 19:30 alle 22:00 previo prenotazione alla reception. Nell'Isola non è mai stata fatta alcuna protezione delle rovine romane neanche in tempi recenti. L’isola era nota in antichità col nome Palmaria. Tutti i giorni dalle ore 9:00 alle 24:00 La presenza sull’isola delle più importanti personalità dell’antifascismo trasforma Ventotene in un vero e proprio laboratorio politico. Tutte meritano una sosta sia diurna che notturna, ma attenzione ai venti dal III e IV quadrante, che rendono pericoloso l’ancoraggio. Nel 1769 viene costruita la chiesa di Santa Candida che sarà poi consacrata nel 1774. A breve distanza dai porti del Lazio e della Campania, le isole Pontine sono una meta classica da week end piu’ o meno lungo, e offrono sia un’animata vita notturna che alcuni tra i piu’ bei paesaggi naturalistici del Mediterraneo. Abitata solo nel periodo estivo, diventa luogo di ritiro per i ponzesi che si rifugiano nelle case grotta, tipiche abitazioni scavate nella roccia di Palmarola. E per finire, lo scoglio dello Spermaturo, la spiaggia dei Vricci, la Grotta del Bue Marino, la Forcina e le Gradelle. Sul versante di ponente dell’isola di Ponza si susseguono baie di bellezza straordinaria: Chiaja di Luna, Cala Feola, Cala dell’Acqua. Ecco le isole di Ponza e Palmarola, usciamo dal porto, giriamo ad Est, costiggiamo le Peschiere Romane e le Piscine Augustee, i Faraglioni della Madonna, quelle del Calzone Muto, Punta Guardia, Capo Fieno, attraversiamo la Baia di Chiaia di Luna fino a Capo Bianco. Con il declino dell'impero romano, anche l'interesse verso le isole incominciò ad affievolirsi e l'arcipelago cominciò a vivere di vita propria. Imbarco alle ore 09:30 al porto di Nettuno: bagni e sole davanti Torre Astura Ci sono numerose rade in cui ancorare sia nel versante di levante che in quello di ponente, ed e’ bene spostarsi nel ridosso migliore non appena si avverte che il vento sta girando. In seguito vi saranno confinate altre celebri donne romane: Agrippina Maggiore (spedita qui da Tiberio), Claudia Ottavia (cacciata da Nerone) e Flavia Domitilla, esiliata dallo zio Domiziano per la sua conversione al Cristianesimo. La tratta dura circa 40 minuti. Le posizioni geografiche piu vicine (distanza ottica da Isola Palmarola): Baia: Cala di Ponza (9.183 m) Stazione meteorologica: Ponza (8.603 m) Isola: Isola di Ponza (9.183 m) … Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 21 set 2020 alle 10:30. Sei perle di incommensurabile bellezza galleggiano a poche miglia di distanza dal Golfo di Gaeta: le Isole Pontine o Ponziane.Ponza, Zannone, Palmarola, Gavi, Ventotene e Santo Stefano.Le due isole principali, Ponza … Usciti dal tunnel costeggiamo ponente sino alla spiaggia, dove effettueremo una sosta di circa un’ora. Nel 1857 Ponza fu raggiunta dalla spedizione del patriota Carlo Pisacane, che si era impadronito del Cagliari, un piroscafo che faceva la spola tra il capoluogo sardo e Genova. Ponza e l'arcipelago passarono colonia romana nel 312 a.C. quando la ormai fiorente e potente repubblica romana si accordò con i volsci creando una colonia alleata. Verranno esiliati qui l’ex Presidente della Repubblica Sandro Pertini, Giorgio Amendola, Mauro Scoccimarro, Giuseppe Romita, Luigi Longo, Giovanni Roveda, Pietro Secchia, Altiero Spinelli e Pietro Grifone e tanti altri. Tuttavia l'isola dovette pagare la devastazione di una delle sue cale più belle e non pochi casi di silicosi tra gli operai addetti. In questo itinerario sono previste soste per fare i bagni e pranzo a bordo (primo piatto di pasta con bevande - acqua, vino e caffè - servite al momento del pasto). Nel 312 a.C. giunsero i Romani sull’isola che destinarono Ponza per lo più a luogo di confino, ma anche di villeggiatura, possiamo infatti ammirare in quest’isola rovine di numerosa ville romane. Con una superficie di 1,54 km² è per dimensioni il comune più piccolo dell’Italia centrale. Scarica l’app Park Hotel per prenotazioni e per rimanere sempre aggiornato sulle news e sugli eventi. Con la liberazione, nel 1945, torna all’Italia. Palmarola è stata definita da molti l’isola più bella del mondo.E’ una terra disabitata e, forse, ciò la rende ancora più attraente per la voglia di esplorarne e ammirarne le bellezze. Usa i commenti anche per chiedere un'opinione alla redazione. Itinerari dell'Isola di Ponza. Sull’isola si sviluppò anche un piccolo villaggio che ospitò anche una comunità cristiana ma agli inizi del VII secolo d.C. Ventotene era definitivamente spopolata. Poi costeggiando la cala ci portiamo ai Faraglioni di Mezzogiorno, li attraversiamo, li aggiriamo, imbocchiamo il tunnel che divide il faraglione esterno da ponente a levante e lo percorriamo tutto, questo è un tunnel naturale lungo circa 70 metri che con la barca percorreremo per intero. Tutti gli articoli del Magazine possono essere commentati e diventare delle vere e proprie discussioni. L’emozione di visitare Ponza e Palmarola e fare i bagni in acque turchesi e cristalline è possibile grazie alle escursioni giornaliere dell’ agenzia Settemari.. L’esperienza e la cordialità dei nostri addetti a bordo … Ma nel 1454 Ponza fu occupata dagli Aragonesi, che scacciarono i monaci cistercensi dall'isola: questi, rifugiatisi a Formia, fondarono la chiesa di Santa Maria di Ponza. Giunto nel pomeriggio del 27 giugno a Ponza, Pisacane liberò i detenuti del carcere, con essi si recò a Palazzo Tagliamonte ove distrussero l'archivio dell'isola, e quindi ricostituì la sua spedizione contro il Regno delle Due Sicilie. Da Capo Bianco a Palmarola una traversata di 25 minuti, prima sosta a Cala Brigantina dove sosteremo circa 30 minuti. In esse vi trovavano riparo i contadini che coltivavano la terra a Palmarola. Da qui inizia la navigazione verso Palmarola. In particolare Ponza fu colonizzata da 52 famiglie ischitane per complessive 130 persone nel XVII secolo dopo esser stata praticamente disabitata per circa 2 secoli per le incursioni saracene. Luoghi fantastici, dei veri e propri angoli di paradiso a breve distanza … La secolare erosione eolica ha determinato in questa parte dell’isola una spettacolare conformazione della roccia tufacea. L’arcipelago comprende sei isole maggiori, divise in due gruppi principali: I comuni dell’arcipelago, precedentemente afferenti alla provincia di Terra di Lavoro e, dopo la soppressione di questa, alla provincia di Napoli, furono trasferiti sotto il Fascismo alla provincia di Littoria, insieme con il circondario di Sora. Il Monte Guardia , con i suoi 283 m.s.l.m, è il rilievo più alto dalla cui sommità si può ammirare tutto il panorama circostante. Nel 1860, in vista della Battaglia del Volturno, la guarnigione borbonica veniva richiamata sulla terraferma. Seguici sulle nostre pagine social per rimanere sempre aggiornato! Giunti a Punta Vardella, nella parte più a sud dell'isola, si possono ammirare: lo Scoglio Suvace; Cala Brigantina, che prende il nome dai pirati che nel medioevo vi trovavano riparo; lo Scoglio del Cappello; gli Scogli denominati i Fucili che in passato formavano un arco naturale, crollato in seguito a una violenta mareggiata; i Faraglioni di Mezzogiorno, tra i quali si distingue quello più grande al cui interno si apre un incantevole grottone, alto circa 20 metri, in cui si entra con la barca e poi si esce dall’altro lato. Ponza è la maggiore delle Isole Ponziane (il cui arcipelago comprende anche le isole di Gavi, Zannone, Palmarola, Ventotene e Santo Stefano) ed è situata davanti al Golfo di Gaeta (nel Mar Tirreno), 21 miglia nautiche a sud di San Felice Circeo. Un’ esperienza con la partenza fissata  alle ore 11:00 e che si conclude alle ore 17:00 c.a. Lo stesso Mussolini fu poi prigioniero nell'isola dal 27 luglio al 7 agosto 1943. E’ una terra disabitata e, forse, ciò la rende ancora più attraente per la voglia di esplorarne e ammirarne le bellezze. L’esperienza e la cordialità dei nostri addetti a bordo dell’imbarcazione ufficiale Settemari vi sorprenderanno. A prescindere dalle sensazioni indotte dall'uso, anche l'Ergastolo di Santo Stefano, dovuto agli stessi Carpi e Winspeare è opera di notevole rilievo: pianta a ferro di cavallo e Cappella/punto di osservazione centrale, ispirati ai principi del Panopticon del britannico Jeremy Bentham. - Banchina … (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Notizie nautiche, prove in mare, le novità dai saloni nautici, la didattica e gli itinerari in barca. Principale luogo e sede comunale è la cittadina di Ponza, posta nella parte centro-meridionale, sulla costa orientale. Furono creati due lunghi tunnel (ancora utilizzati dalle macchine) che univano il porto di Santa Maria alle ville, appoggiate alle colline dove adesso è sito il porto nuovo. Ponza ha una superficie di 7,5 km² ed è quasi completamente collinare: sovrastata al centro dai monti Core (201 m), Tre Venti (177 m) e Pagliaro (177 m), raggiunge la massima altitudine con i 280 m del monte Guardia, posto all'estremità meridionale dell'isola. L'isola Via Banchina 25, Isola di Ponza (LT)- 04027 Come raggiungere Ponza da Terracina in meno di 60 minuti, dal 14 aprile al 15 giugno ogni venerdi sabato domenica e festivi un biglietto per la nave jet veloce ha il costo di € 44,00 per gli adulti e € 25,00 per i bambini dai 2 ai 12 anni, oppure vi proponiamo una mini crociera accompagnati dal marinaio-cicerone dedicata al versante sud dell’isola per ammirare la pittoresca baia del porto, il promontorio e il faro borbonico e tantissime altre meraviglie dell’isola al costo di € 57,00 per gli adulti e € 34,00 per i bambini dai 2 ai 12 anni, Per ulteriori informazioni contattare Shuttle viaggi allo 0773721748-3397722725 o all’indirizzo e-mail info@ponzaturismo.it.